fbpx
Test

La quarta generazione non tradisce le aspettative. Ecco i primi risultati della Fujifilm X100F

E siamo a quattro. Fujifilm presenta la nuova compatta premium della linea X100, senza snaturarla ma con alcune novità che possono solo farle fare un ulteriore salto in avanti 

Nella splendida cornice di Althorp, la residenza della famiglia Spencer, grazie a Fujifilm Italia abbiamo avuto l’occasione di avere un primo assaggio delle qualità della nuova X100F, la nuova ammiraglia tra le compatte della casa. Si tratta come da tradizione di una fotocamera ad ottica fissa equivalente ad un 35mm e dal look decisamente retrò; con questa nuova versione, la quarta (F sta proprio per Fourth) non vengono snaturati i concetti di base che hanno reso la serie X100 quella del rilancio del marchio Fujifilm verso i successi ma anche le ambizioni di oggi. L’azienda è riuscita a ricostruirsi il nome che stava perdendo grazie ad una linea di prodotti molto ben studiati nella parte estetica ma che soprattutto non hanno mai deluso gli utenti sul campo. Non è un caso che molti professionisti abbiano infatti deciso di abbandonare i propri sistemi reflex per passare alle mirrorless di Fujifilm, ma in particolari gli amanti della street photography anche alle fotocamere della serie X100. 

La nuova X100F è caratterizzata dal nuovo sensore CMOS X-Trans III da 24,3 megapixel, lo stesso che abbiamo messo alla prova anche sulla nuova X-T20, che in combinazione con il processore di elaborazione delle immagini X-Processor Pro garantisce immagini davvero di qualità. Con questa accoppiata sarà possibile scattare anche delle raffiche da 8 fotogrammi al secondo, fino a 25 file RAW o fino all’esaurimento dello spazio nella scheda di memoria se decidiamo di utilizzare il solo formato JPEG. Inoltre, la gamma della sensibilità sarà espandibile da 100 a 51.200 Iso. A proposito di sensibilità c’è da annoverare anche la modifica della ghiera dei tempi di scatto, che ora ne ha una seconda coassiale da cui controllare e selezionare i valori Iso, aspetto, questo, secondo noi molto comodo.  

Ma a proposito di comodità e novità, anche il sistema autofocus è stato migliorato ed è lo stesso della X-T20: può contare su 91 punti, ma espandibili a 325, numeri da fotografia sportiva visto anche la capacità di scatti  in sequenza. Ma l’aspetto che più ci ha convinto è la comodità del nuovo joystick che è stato inserito sulla destra del display che si può controllare con facilità con il pollice e che serve a scegliere il punto di fuoco desiderato con precisione. 

Per quanto riguarda, invece, l’obiettivo di cui è dotata la nuova X100F, si tratta di un 23mm f/2 targato Fujinon (35mm equivalenti) che può contare anche su un elemento a doppia superficie asferica per ridurre le aberrazioni cromatiche e le distorsioni.  Sull’obiettivo possono essere inoltre montati degli aggiuntivi ottici, grandangolare e tele, che tramite i contatti elettronici di nuova concezione comunicano con la fotocamera che in automatico saprà che tipo di impostazioni utilizzare per un corretto utilizzo degli aggiuntivi stessi. Con la nuova X100F, però, possiamo sfruttare anche il nuovo teleconverter integrato, in grado di simulare due lunghezze focali oltre a quella di default: un 50mm e 70mm. E i risultati sono comunque discreti. 

Il mirino ad oculare è ibrido come nei modelli precedenti e presenta la doppia opzione di visione, quella elettronica o quella ottica. Nella versione elettronica oltre ad una risoluzione da 2,36 milioni di pixel è possibile avere una visione ingrandita per facilitare la messa a fuoco della scena. 

Da questo primo assaggio, in attesa della prova approfondita, possiamo senza ombra di dubbio dire che la nuova Fujifilm X100F è una fotocamera riuscita, che offre una qualità d’immagine invidiabile grazie all’evoluzione del sensore che passa dai 16 ai 24 megapixel di risoluzione, che può vantare una messa a fuoco molto rapida anche quando la scena non è particolarmente illuminata e che nel complesso non ha tradito le aspettative. Unica miglioria che non è stata considerata per questo modello e che invece abbiamo apprezzato in entrambe le altre novità, la X-T20 e la GFX 50s, è lo schermo touch screen

La Fujifilm X100F sarà disponibile a partire dalla metà di febbraio ad un prezzo consigliato al pubblico di 1.429,99 euro

La quarta generazione non tradisce le aspettative. Ecco i primi risultati della Fujifilm X100F
© Riproduzione riservata
Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top