cp+, giappone, fiera
News

CP+ 2018: il nostro report dalla fiera in Giappone

Nell’edizione più ricca di visitatori dal 2010 ad oggi il CP+ di Yokohama è stato un grande successo

Tokyo – Si è chiuso lo scorso 4 marzo il CP+, la più importante fiera dedicata alla fotografia del Giappone, che quest’anno si è svolta in leggero ritardo rispetto al solito per non sovrapporsi con le Olimpiadi invernali. Il primo dato che salta all’occhio è quello del pubblico che ha visitato la fiera: i dati ufficiali contano 68.111 visitatori. 

Durante i giorni di fiera a Yokohama gli spettatori hanno potuto vedere e toccare alcune delle ultime novità del mondo della fotografia, come la recentissime Sony A7 III, Canon EOS M50 o la Pentax K-1 Mark II. Ma è stata l’occasione di vedere anche alcune novità assolute che saranno sul mercato a breve. 

Andiamo con ordine, però, e partiamo proprio da Sony che si è presentata la CP+ con lo stand più grande nel quale è stato possibile provare la come detto la nuova Sony A7 III, la mirrorless full-frame “di base” della casa che non vanta particolari innovazioni, ma che eredita dai modelli superiori A9 e A7R Mark III molte funzioni. L’altra grande attrazione dello stand Sony è stata la prima apparizione pubblica del teleobiettivo per full frame E-mount FE400mm f/2,8 GM OSS, che vedremo sul mercato non prima della prossima estate. Al momento, comunque, non sono disponibili molte informazioni in merito. Bisognerà avere pazienza per saperne di più. 

cp+, giappone, fiera

Anteprima assoluta del nuovo tele FE400mm f/2,8 GM OSS

cp+, giappone, fiera

La nuova Sony A7 III

Ha suscitato molto interesse anche la nuova Lumix G9, che in Giappone viene definita PRO, dove molti fotografi professionisti si sono avvicinati al mondo delle mirrorless con le fotocamere di Sony, Fujifilm e Olympus; quindi anche Panasonic vuole cercare di cavalcare questo trend per essere pronta e assolutamente competitiva prima delle Olimpiadi di Tokyo 2020. “Vitality and Life Beauty” o “Seimei-ryoku, Seimei-bi” per dirlo anche in giapponese, è il motto o la filosofia in casa Lumix con la quale vuole catturare un pubblico nuovo ed esperto, anzi PRO. 

Nello stand Panasonic è stato possibile per il pubblico fare qualche scatto con la Lumix G9, mettendola alla prova con dei lottatori di karate: velocità e reattività di scatto e messa a fuoco sono cruciali in situazioni come questa. 

Nello stand Olympus, invece, le attrazioni maggiori erano rappresentate da alcuni prototipi esposti, tutti ridisegnati su modelli recenti di fotocamere mirrorless e tutti con le proprie particolarità. Per il resto nessuna grande novità se non, esposto in ogni angolo, il claim “The camera has more fun”. Qui sotto alcune di queste divertenti rivisitazioni di fotocamere Olympus. 

Allo stand Canon, sempre più intenzionata a puntare sulle fotocamere mirrorless, ampio spazio alla neonata EOS M50, ma non solo, tanto interesse a suscitato anche il flash intelligente, lo  Speedlite 470EX-AIdotato di testa rotante automatizzata. Premendo il tasto AI Buonce il flash automaticamente calcola la luce necessaria per illuminare la scena di rimbalzo. Idea ottima per chi non ha particolare dimestichezza con l’uso del flash o per chi abbia voglia di imparare seguendo gli automatismi del nuovo Speedlite di Canon. 

Un’altra delle novità più fresche di questa fiera in Giappone è stata la Pentax K-1 Mark II, che i visitatori hanno potuto provare utilizzando anche il nuovissimo obiettivo D*FA 50mm f/1,4. Questo nuovo 50mm, che è il primo dell’era digitale che Pentax propone con apertura massima di diaframma pari a f/1,4, arriverà nei negozi nella prossima estate. 

cp+, giappone, fiera

Il nuovo 50mm f/1,4 di Pentax montato sulla K-1 Mark II

Passando ai produttori di obiettivi abbiamo visto le novità proposte da Sigma e Tamron. La prima ha mostrato i nuovi obiettivi “Art” nati per le fotocamere mirrorless di Sony (E-mount): il 105mm f/1,4 che pesa più di un chilo e mezzo ma che comunque sembra essere ben bilanciato, definito addirittura il “bokeh-master”, e il 70mm f/2,8 Macro. Anche Tamron ha presentato un obiettivo per full-frame con attacco E-mount, si tratta del 28-75mm f/2,8 Di III RDX. Ancora in fase di sviluppo ma presentato come un obiettivo molto veloce e leggero (2/3 in meno del Sony 24-70mm f/2,8 GM). 

Novità anche in casa Nissin che ha presentato al CP+, che si è da poco chiuso in Giappone, il flash MG10, un flash cobra NG80 dotato di un sistema di raffreddamento per resistere a lunghe ed intense sessioni di scatto e per questo soprannominato “machine gun-strobe”. Allo stand presente in fiera per sottolineare questa nomenclatura è stato anche montato al fianco di un arma giocattolo. Divertente, ma forse eccessivo. Il nuovo flash MG10 sarà disponibile in estate. 

cp+, giappone, fiera

Il nuovo flash MG10 montato su un’arma giocattolo

E Nikon? In attesa di avere pronta la propria mirrorless full frame di cui tanto si parla e che probabilmente vedremo alla prossima Photokina, non ha presentato nulla di nuovo al CP+ per quanto riguarda fotocamere e obiettivi. Ma una novità c’è. Si tratta della linea di filtri ad alte prestazioni Arcrest. In particolare sono stati aggiunti in gamma filtri da 52, 58 e 62mm di diametro dotati di rivestimenti anti riflessi. 

 

 

CP+ 2018: il nostro report dalla fiera in Giappone
© Riproduzione riservata
Commenta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top